lunedì 30 luglio 2012

Lacing cards mania: vai col nastro!

Lo ammetto: non saprei come tradurlo in italiano. Le trovo spesso su Internet come "lacing cards" o "sewing cards" cioé cartoncini da cucire però non so se ci sia un nome corrispondente in italiano normalmente utilizzato. Ma insomma tagliamo corto.
L'altro giorno passavo, durante la mia solita mezz'ora d'aria al giorno (le restanti 23 ore e mezza sono al lavoro/a far da mangiare/a intrattenere i pupi/ a fare lavatrici!), sul blog di Alex ""C'è crisi c'è crisi!"" e vedo il titolo del nuovo Linky Party: Bambole e giocattoli handmade. Bellissimo! Peccato che in questo momento ho la creatività di un bradipo centenario per cui credo che non parteciperò. Tuttavia ho avuto il piacere di osservare numerosissimi giochi divertenti e anche belli da vedere che mi hanno colpita. Tra tutti sono stata attratta forse dal più semplice ma sicuramente meritevole che è la scarpa in cartone per imparare a legare le stringhe di "Ideamamma". Semplice ma geniale tant'è che ne ho trovate diverse sparse sul web e non sono riuscita a resistere. Tiziano l'ha colorata e io l'ho bucherellata.


Alla fine ci siamo fatti prendere la mano da tutto quel cucire e intrecciare che ho deciso di scaricare 3 simpatiche lacing cards e vedere come Tiziano avrebbe reagito: entusiasta! Ed ecco il prodotto finale.


Potevamo fermarci? Assolutamente no. Quindi stampo un bel pinguinone e realizziamo una sorta di lacing puzzle: sempre più difficile! Non contenti ci avventuriamo anche nell'universo più ignoto producendo dei lacing rockets spaziali a mo' di giostrina per neonati.


Insomma tutto questo per dire che mio figlio di 4 anni si è divertito molto e magari potreste trovare interessante queste lacing cards anche voi. Mi sembrano anche un ottimo modo di passare il tempo in macchina viste le vacanze che incombono. Se poi mi fate anche sapere come si chiamano in italiano...
PS: per Francesca R.: qui tu ci andresti a nozze!

domenica 29 luglio 2012

sabato 28 luglio 2012

Lavagnetta magnetica seconda versione ovvero come riciclare un calendario da tavolo

Mannaggia a me e alla mia totale ignoranza informatica! Stamattina ho cancellato per errore questo post e non sono più riuscita a recuperarlo in nessun modo. Allegria. Oltretutto era un post anche abbastanza lungo, ma non ricordo assolutamente cosa avevo scritto. Per cui ora mi appresto a rispiegarvi come si procede per questo lavoretto sperando di non cancellarlo più!
Come dice il titolo si tratta di una lavagnetta magnetica creata per riciclare i calendarietti da tavolo, dato che in ufficio ne ho trovati 3 vecchi ma molto carini e robusti per cui mi spiaceva buttarli. Una volta visti lì sul tavolo ho capito che assomigliavano a delle lavagnette e così eccola qua.




OCCORRENTE:

- un calendarietto da tavolo con una struttura discretamente robusta
- pittura magnetizzante (acquistata su Opitec)
- pennello piatto o rullo piccolo
- scotch amovibile
- forbici o cutter
- disegni da trasformare in puzzle
- nastro magnetico
- colore acrilico

Togliete i fogli del calendario con una forbice o un cutter lasciandone eventualmente uno da decorare con funzione di protezione della lavagnetta.
Sulla parte rigida prescelta delimitate con lo scotch amovibile la superficie che volete rendere magnetizzata e stendete una mano di vernice magnetizzante in senso diagonale, lasciate asciugare e poi date un'altra mano sempre in diagonale ma nel senso opposto. Io ho dato 3 mani in totale.
Una volta finito l'aspetto sarà terribilmente ruvido tipo carta vetra, per cui potrete dare una mano di colore acrilico (io ho utilizzato il nero) oppure rivestirlo di stoffa.
Togliete lo scotch e il gioco è fatto.
Stampate poi su cartoncino il disegno che avete scelto, fatelo plastificare (facoltativo, ma sicuramente rende più duraturo il gioco) e poi ritagliate i vari pezzi attaccando dietro a ognuno del nastro magnetico o un piccolo magnete.
La vostra lavagnetta è terminata! Potrete attaccare sul retro del calendario una piccola busta in stoffa o plastica in cui ritirare i vari pezzi del puzzle o degli altri giochini che sceglierete.
In questo modo potrete portarvi dietro la lavagnetta anche in viaggio visto lo scarso peso e la possibilità di appiattirla completamente.

Con questo post partecipo al Linky Party by Topogina
 
 

La lavagnetta magnetica versione Spongebob!

Ed eccola qui! Visto che è scattata la Spongebob mania a casa nostra, non potevo non mostrarvela.Il tutorial della lavagnetta magnetica lo trovate qui e questa è la versione con i personaggi di Spongebob e lo sfondo di Bikini Bottom!


Dato che, contrariamente a quel che pensavo, non è stato molto facile trovare dei printables gratuiti coi vari personaggi e con lo sfondo, vi metto qui e qui due link da cui ho scaricato la maggior parte dei magneti. Ho dovuto salvare la varie immagini, metterle tutte su un unico file e poi stamparle per poterle far plastificare. Dato che non l'ho mai detto e potrebbe invece interessare soprattutto ai cittadini di Vercelli & dintorni, io li porto a plastificare da "C come Carta" - ccomecarta@libero.it - un negozio in via Foa 82 a Vercelli che piacerà agli amanti della creatività!
E con questo set di magneti, tra 3 settimane ci apprestiamo ad affrontare 800 km di strada per arrivare in Croazia. Incrociamo le dita!

venerdì 27 luglio 2012

Decorazioni: le iniziali morbidose

Per la festa di compleanno dei miei figli ho realizzato qualche piccola decorazione fatta a mano e ho deciso di fare dei post per illustrarvele così magari prendete qualche spunto.
Peccato però che un vento mostruoso mi abbia obbligata a smontare tutto il mio ciarpame dopo poco per evitare che tutto se ne volasse nel giardino del vicino.
La mia decorazione preferita è stata quella che vi sto per illustrare e cioé le iniziali dei miei figli, Tiziano e Linda, ricoperte con filo di lana multicolore. Le inziali decorate in vario modo spopolano su Pinterest e mi sono subito piaciute per cui ho deciso di riprodurle con quel che avevo in casa.



La realizzazione è semplicissima. Disegnate aiutandovi con matita, squadra e righello (oppure scaricando dei template gratuiti da Internet come ho fatto io) le vostre iniziali su del cartone abbastanza spesso (3 o 4 mm). Io ho utilizzato la scatola di un puzzle che è stato fatto e incorniciato. Ritagliatele con un cutter e date una scartavetrata tanto per rendere i bordi lisci. Io le ho poi dipinte di verde perché la lana che avevo scelto conteneva questo colore. Ho usato del colore acrilico e un pennello. Una volta asciutte mi sono armata di colla a caldo e di un filo di lana bouclé spesso in alcuni punti e più sottile in altri. Ho iniziato incollando il capo sul retro della lettera e ho continuato rivestendola e dando qualche punto di colla ogni 2 o 3 giri per mantenere il filo stabile.
Nonostante le iniziali siano abbastanza grandi, di lana ne consumate davvero poca, neanche un gomitolino!
Io le ho lasciate così perché volevo appoggiarle a un vaso ma se non avete appoggi potete aggiungere una freccia in cartoncino come quella che hanno sul retro i portafoto, dipingerla e incollarla ad un'angolazione consona. Oppure se volete appenderli al muro come decorazione per una cameretta (questa è la fine che faranno anche a casa mia) basta incollare sul retro un gancetto per quadri o poster.
E adesso tocca a voi!

giovedì 26 luglio 2012

Lavagnetta per gessetti ovvero continua il riciclo dei calendari da tavolo

Piccolo O.T.: è da un po' che scrivo a rilento ma, ragazze, anche per noi è arrivata l'estate! Bagni, sole e giochi all'aperto. Poi lavorando adesso 8 ore al giorno sono ancora più impegnata. E a peggiorare la situazione ho salutato quei santi dei miei genitori che sono partiti per il lago per un mese e mezzo per cui ho la baby-sitter per le ore di lavoro e quando torno un casino di roba da fare!
Detto questo sono riuscita a produrre altre cosine carine ma non ho ancora avuto tempo di postarle. Ho anche intrapreso il primo swap della mia vita da blogger ideato da "Fra & Alex" e poi ve ne darò il risultato. Sono arrivata terza al Linky Party #15 di Topogina, quello sulla carta e cartone, con la mia macchina fotografica di cartone e... prima al Linky Party #16 quello con tema il colore giallo con la scatola-Spongebob! Insomma qualche soddisfazione e molto divertimento. E poi nel weekend c'è stata la superfesta coi miei amici al lago, 24 ore tutte per me, per la prima volta dopo 2 anni senza bambini e compagno! Non vi dico i sensi di colpa... e non vi dico la devastazione!
Ma ora torniamo a noi, ecco qui sotto un lavoretto carino per riciclare ancora i calendarietti da tavolo; a fine anno saprete perché tenerli da parte!
__________________________________________________________________________

Adesso che ne ho accumulati una tonnellata dovrò pure smaltirli! Per cui ecco qui il secondo progettino per riciclare i calendari da tavolo: una lavagnetta vera e propria su cui usare i classici gessetti. Ma questa lavagnetta sarà leggera, richiudibile e facile da pulire.Vi occorreranno:
- 1 calendarietto da tavolo con una struttura robusta (o irrobustita incollando sulle facciate interne del cartoncino rigido)
- pittura lavagna (se volete farla da soli vi consiglio questo post di Quando Fuori Piove, io l'ho acquistata sempre su Opitec)
- un pennello piatto
- scotch amovibile
- forbice o cutter



Rinforzate le pareti del calendario se necessario, incollando due cartoncini rigidi sui lati interni con colla vinilica o colla a caldo. Togliete i fogli del calendario tranne uno (che servirà se vorrete come copertina di protezione) aiutandovi con una forbice o un cutter. Posizionate lo scotch sui margini delimitando così la zona che volete rendere una lavagna. Date una mano di pittura lavagna in diagonale, lasciate asciugare e poi date un'altra mano sempre in diagonale ma nel senso opposto. Sulla confezione dice che bastano una o due mani, io per pignoleria ne ho date tre, non si sa mai... Togliete lo scotch e la lavagnetta è pronta!
Anche qui potete incollare sul retro una scatoletta di plastica o una bustina in stoffa per riporre i gessetti e il cancellino.
Buon divertimento!

Con questo post partecipo al Linky Party by Topogina
 


martedì 17 luglio 2012

Braccialetti in cotone e pietre dure

Questa volta per il Linky Party di Topogina intitolato "Gioielli fai-da-te" non ho avuto esitazioni. Ho subito pensato a 2 bracciali che ho fatto qualche mese fa con fili di cotone, pietre dure acquistate per pochi euro ad un'asta su Ebay con una mia collega e alcune perle in vetro avanzate da altre creazioni.





L'esecuzione è semplicissima: ho srotolato un gomitolino di filo di cotone cerato verde di 1 mm di spessore e 5 m di lunghezza e l'ho poi ripiegato formando una matassina di 8 fili della stessa lunghezza. Ho tagliato i capi dei fili dividendoli solo a una delle 2 estremità della matassina in modo da ottenere dall'altra parte una serie di occhielli. Ritorcendo un po' l'estremità con gli occhielli e facendo un nodo a 2 cm circa dal capo otterrete una grossa asola e 8 fili separati che partono da essa. Ora infilate a piacimento 3 o 4 pietre dure verdi in alcuni dei fili e poi fate un altro nodo per bloccarle, poi inserite 2 perle ovali di vetro e poi fate un altro nodo, ora 2 perle di fimo e 2 pietre dure grigie e un nodo e così via. Potete inventare gli abbinamenti delle perle a vostro piacimento o a seconda di quel che avete in casa. Una volta raggiunta la lunghezza desiderata (misurate sul vostro polso), inserite in un filo un gancetto da braccialetto (che verrà agganciato all'asola) e poi fate ancora un nodo. Per finire io ho tagliato i fili restanti di diverse lunghezze terminando ognuno con una perlina, un abbellimento in metallo e un nodino.
L'unica accortezza che dovete avere è quella di verificare che il filo abbia lo spessore giusto per passare nei buchi delle vostre perle.
Io ho realizzate una versione verde e una rossa utilizzando agata craquelé e liscia verde, rossa e grigia.

Con questo post partecipo al Linky Party by Topogina



sabato 7 luglio 2012

Scatola Spongebob riciclosissima!

Buongiorno a tutte e in particolare a tutte quelle mamme che oltre ad accudire con amore i propri pargoli devono anche sorbirsi i cartoni animati del momento. Il peggio per noi è che quando Tiziano si fissa con un cartone dobbiamo vederlo per 2 mesi di fila, poi si stufa e si passa a quello successivo. Dopo Kung Fu Panda, Toy Story, Cars, Il libro della giungla, ecc. siamo approdati a Spongebob e per fortuna, dato che piace anche a me!In ogni caso, l'altro giorno passo sul blog di Alex, "C'è crisi, c'è crisi" e vedo che il nuovo Linky Party ha come tema il giallo. Un occhio al pc e uno alla tavola della colazione con scatola gialla di un noto cioccolato in polvere... ed ecco Spongebob!



Ho utilizzato la scatola del cioccolato in polvere girata al contrario, ritagliato i tappi del latte, del succo di frutta e dello yogurt per fare occhi, cravatta e denti, un pezzo di borsa di plastica per la camicia e feltro nero per la bocca e parte degli occhi. Il naso è in gomma crepla gialla avanzata dai timbrini. Tutto incollato con colla a caldo.
Questo simpatico Spongebob è anche una scatola in cui riporre i pupazzetti di Spongebob e dei suoi amici che ci accingiamo a fare, oppure anche qualunque altro giochino che è sempre in giro o anche dei puzzles di cui avete perso la scatola!
Buon divertimento!

Con questo post partecipo al Linky Party by Topogina



mercoledì 4 luglio 2012

Un bellissimo regalo da Simona de "Il Pampano"

Ieri mi è arrivato un regalo stupendo ottenuto per puro caso grazie a Simona del blog "Il Pampano". Simona aveva indetto un giveaway per festeggiare i 100 likes della sua pagina su Facebook decidendo di regalare una Mostrilla handmade. La Mostrilla è il mostro buono creato da Simona per lo "Strano Concorso 2" indetto da Barbara, la fortissima "Mamma fatta così".Io avevo commentato il suo post perché la Mostrilla mi era piaciuta un sacco, anzi un saccone e, cosa non da poco, mi aveva fatto venire una voglia tremenda di imparare a usare meglio la macchina da cucire e creare qualche pupazzo per le mie piccole iene.
Insomma per farla breve sono stata estratta come vincitrice! Ed ecco Mostrilla.



Bellissima vero? E come potete vedere anche molto apprezzata anzi, contesa!




Simona scrive di voler aprire presto un negozio su Etsy e io spero lo faccia veramente perché si merita davvero tanto successo e riconoscimento.
Grazie Simona e intanto consiglio a tutte quelle che non la conoscono (poche credo) di andare a visitare il suo blog!

martedì 3 luglio 2012

E... che la caccia al tesoro abbia inizio!

Allora. Sono estremamente contenta di aver appreso di questa caccia al tesoro per blogger! Made by Mammafelice, indice di qualità e garanzia di simpatia. E allora che caccia al tesoro sia, non vedo l'ora di incontrare tante altre persone simpatiche e creative come è già accaduto in questi 6 mesi di blog.


Ed ecco qualcosa in più su di me:

Carta di identità: mi chiamo Nicoletta, nata nel 1976 a Vercelli, zona depressa della bassa padana, laureata in lingue, lavoro full-time e ho due bimbi, Tiziano 4 anni e Linda 1 anno. Sono curiosa e amo sperimentare, mi piacciono praticamente tutti i metodi creativi esistenti ma sono anche una donna e mi piace truccarmi e comprare borse ma sono anche mamma e impazzisco per i miei pupi e mi piace giocare con loro. Amo la musica rock, i romanzi horror, il cinema e viaggiare.

Nome del blog: Mammataua - e se volete sapere da dove arriva questo nome, frugate tra i miei post :-)

Obiettivi: beh l'unico obiettivo quando ho iniziato era quello di sfogare un po' la mia voglia di creare e di sperimentare. Mi è sempre piaciuto scrivere e così ho trovato un modo per farlo senza dover rendere conto a nessuno e solo quando ho tempo. Ora ho scoperto che conoscere nuove persone e condividere le proprie idee è davvero fantastico!

Un buon motivo per seguirmi: perché sul mio blog potete trovare un po' di tutto, ricette, lavoretti e idee per intrattenere i bambini, consigli per la casa e i vostri party e persino le mie riflessioni tragicomiche.

Due post che vale la pena leggere: il primo ve lo consiglio perché simpatico e sul tema "mamme ansiose" ma preso un po' alla leggera così potrete farvi due risate, il secondo perché è un lavoretto che ha riscosso molto successo sia con mio figlio sia con altre blogger e che potrebbe piacere anche a voi!

Come seguirmi: i mezzi sono tanti, c'è solo l'imbarazzo della scelta! Eccoli qui:
- il mio profilo sinistro su Facebook
- il mio profilo destro su Google+
- i miei cinguettii su Twitter
- le mie boards su Pinterest

Indirizzo RSS feed: http://feeds.feedburner.com/Mammataua/

A presto!